Perché una persona sana dovrebbe farsi iniettare un vaccino sperimentale?
Meglio farsi vaccinare con un vaccino ben noto e ben sperimentato, prevenzione e trattamento precoce sono molto meglio. Primum non nocere.

Questo studio conclude che il tasso di mortalità del COVID-19 è circa lo 0.8%, ovvero il 99.2% delle persone infette dal COVID si riprende bene, mentre il rischio fatale di una reazione autoimmune causata dal vaccino mRNA sembra essere particolarmente alta


united-nations-covid-19-response-jTK820WUr2k-unsplash.jpg

Le opinioni espresse in questo sito web sono una semplice raccolta di opinioni espresse dalle persone e dalle istituzioni identificate e referenziate, e di cui ciascun autore rimane responsabile. Le opinioni non riflettono il punto di vista di nessuna altra persona o istituzione.

Si prega di visitare il sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco per avere il punto vista istituzionale

 
Il disappunto per le cause di morte: Il 2020 è stato senz'altro l'anno delle morti per COVID. In Belgio, esse hanno rappresentato il 18.7% del totale dei morti a partire dal 10 Marzo (19,620 su 104,595 decessi). Le altre cause di mortalità hanno visto una rapida decrescita. Ora, con l'avvento del vaccino, le normali cause di mortalità stanno riguadagnando terreno.
Si vorrebbe porre l'attenzione su eventuali decessi avvenuti a seguito della inoculazione del vaccino mRNA per indagare eventuali legami inattesi di causa-effetto.
Importante: L'informazione contenuta in questo sito web non costituisce un avviso medico
Si prega di contattare il proprio medico per valutare le informazioni contenute in questo sito web e prendere decisioni informate in merito alla propria salute

Prevenzione

La vitamina D rafforza il sistema immunitario. Prenditi cura di assumerne abbastanza. Il range ottimale di vitamina D nel sangue è di 40-60 ng/ml

Riferimenti bibliografici:

Trattamento Precoce

Il tuo medico può prendere in considearzione per il trattamento precoce del COVID-19, ad esempio, medicinali a base di Hydroxychloroquine (HCQ), Azithromycin e/o Ivermectin

Trattamento Successivo

Il medico generalista oppure gli specialisti in ospedale possono considerare l'uso di prodotti come Ivermectin per il trattamento successivo delle infezioni da COVID-19

Alcuni esperti in materia di COVID

  • Tutti
  • Vitamina D
  • Lockdowns
  • Economia
  • Misure
  • Trattamenti
  • Vaccini
David Grimes

Malattie legate alla mancanza di Vitamin D

Ivor Cummins

Soluzione di problemi complessi, Ingegneria biochimica, lockdown e misure legate al COVID

Alexandra Henrion-Caude

Genetista, mRNA

Dolores Cahill

Biologo molecolare, Immunologo, mRNA

Brandy Vaughan

Già informatore scientifico

Didier Raoult

Professore di Medicina, specialista di malattie infettive, Microbiologo

Susan Brown

Antropologo, Nutriozionista certificato, salute delle Ossa

Jay Bhattacharya

Professore di Medicina, Esperto degli aspetti economici del lockdown e delle misure relative al COVID

Anders Tegnell

Malattie infettive, Epidemiologo, Esperto di aspetti relativi al lockdown e alle misure relative al COVID

Beda Stadler

Professore di Immunologia, Allergie e malattia autoimmuni

Sucharit Bhakdi

Professore di Microbiologia medica e Igiene

Catherine Austin Fitts

MBA, già banchiere a Wall Street

Tom Woods

Economista

Reid Sheftall

Chirurgo plastico

Pierre Capel

Professore di genetica molecolare

Keuringsdienst van Waarheid

Comunicatore

Smiles Matter

Evidence-based Scientists

Pandata

COVID-19 Pandemic Data & Science

Frequently Asked Questions

Per approfondire, alcuni testi (in inglese)